Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per offrirti un'esperienza di navigazione migliore.

Continuando la navigazione si considera accettato tale uso in accordo con la nostra cookie policy. Per saperne di piu'

Accetto

1 2 3 4 5 6 7
 
                 
   
 
  Mostre

Le parole illustrate
Undici citazioni per ventisei progetti
3 marzo 2010/ 11 febbraio 2011

La mostra, inaugurata in occasione dell’apertura al pubblico della Fondazione studio museo Vico Magistretti, racconta attraverso le parole dell’architetto, illustrate dagli schizzi esposti, la ricchezza, la qualità e la varietà delle sue opere e, con esse, dell’archivio custodito dalla Fondazione.
L’esposizione si articola lungo una parte attrezzata composta di undici colonne, ciascuna delle quali ospita una citazione estrapolata da scritti e interviste dell’architetto. A fianco, gli schizzi illustrano ed esprimono il senso delle sue parole. Tra i progetti figurano alcuni dei pezzi più noti di Vico Magistretti come le lampade Eclisse e Atollo, il letto Nathalie, la poltrona Maralunga, il tavolo Vidun.
”Non ricamare” usava ripetere Vico Magistretti a chi lo assisteva nei progetti. La dimensione antiretorica del suo professionismo sfugge a ogni tentativo di ridurla entro categorie stilistiche o ideologiche.
Soprattutto per quanto riguarda il disegno industriale, ciò che ne connota la produzione non è solo la ricerca di un dialogo con le tradizioni locali, è più invece un sottile equilibrio tra un rigore razionalista e le licenze poetiche (messi in gioco contemporaneamente o singolarmente) di una memoria del design che esorbita dai confini nazionali, o di una decorazione che ne addolcisce le forme, oppure di un’ironia sorprendente quanto un ready made. Così, senza “ricamarci su” ma semplicemente attraverso le sue parole, illustrate dai disegni in mostra, si è voluto restituire un’immagine della ricchezza dell’opera di Vico Magistretti e, con essa, dell’archivio prodotto dalla sua attività.

La mostra è accompagnata dall’omonimo catalogo Le parole illustrate, realizzato e stampato a cura della Fondazione con grafica di Italo Lupi.

A cura di Simona Romano
Allestimento: Paolo Imperatori
Grafica: Italo Lupi

Foto di Matteo Carassale

FaLang translation system by Faboba